Chi Siamo

Noi siamo DomusPhoto, una nuova realtà che trae origini dalla passione, professionalità ed esperienza di Ornella Lotti, fotografa di professione dal 1990, formatasi sul campo affiancando uno dei maggiori ritrattisti del campo musicale italiano, declinando poi le sue esperienze in molteplici sfaccettature, passando dai ritratti in studio a quelli on stage, backstage, foto sportiva, eventi fino a sviluppare interi progetti artistici astratti.

Contattaci!
Dove Siamo:
Via alberto Ascari 22, Roma 00142 Roma RM
Telefono:
(c) Domusphoto, 2019, All Rights Reserved

Fotografi professionisti o amatoriali, da tutto il mondo arrivano a Roma per fotografare le incredibili bellezze della capitale. Dai Fori Imperiali alla Via Appia Antica, dal Colosseo al Castel Sant’Angelo sul Tevere e via dicendo. Certamente la città eterna è uno dei più bei set dell’intero pianeta. Gli stessi luoghi possono avere una diversa funzione nelle foto: il Colosseo può essere il soggetto della foto ma può essere anche lo sfondo per una persona, un oggetto o un animale.

Molti principianti si stanno avvicinando alla fotografia proprio tramite la fotografia urbana: ecco qualche consiglio base per godersi una bella passeggiata fotografica a Roma.

Consiglio 1: Conosci le basi della fotografia.

Per prima cosa è ovvio chiarire che bisogna avere una certa familiarità con le macchine fotografiche e quindi saper usare in modo corretto delle regole di inquadratura e composizione, per rendere le vostre foto vere e proprie opere d’arte. Molti pensano che “street photography” significhi ignorare le più basilari regole tecniche e scattare a caso.
Per fortuna Roma viene incontri ai principianti, offrendo talmente tanta bellezza che, c’è molto campo per sperimentare e cercare lo scatto giusto.

Consiglio 2: Ricerca del soggetto.

Come abbiamo detto prima, in una città così grande e piena di monumenti è difficile avere di vista il soggetto.
Roma è così piena di “scorci” che molti pensano che basti puntare la camera su una zona ricca di monumenti e via, ecco la foto. In realtà bisogna concentrare l’occhio su un soggetto.

Il soggetto fotografico è quella parte dell’immagine sulla quale si desidera focalizzare l’attenzione dell’osservatore. Bisogna dunque trovare uno o più soggetti che rappresentano l’idea di fotografia che avete. Quindi si deve scegliere se soddisfare il bisogno di fotografare oppure se si ha in mente un soggetto ben chiaro. Una volta scelto il soggetto ci si muove in due direzioni:
Si pone il soggetto al centro dell’inquadratura o in primo piano, ossia a minore distanza dalla fotocamera rispetto ai restanti elementi.
Oppure basta regolare la distanza di messa a fuoco sul soggetto e ridurre la profondità di campo, in modo che il soggetto risulti l’unico elemento dell’immagine correttamente a fuoco.
Un piccolo trucchetto che metterà in risalto le vostre skill è la tecnica delle 3p (3 punti di interesse). Il primo punto è quello principale, il vostro soggetto, il secondo è un punto di interesse secondario, un secondo soggetto ma che abbia a che fare col primo. Il terzo invece deve essere un elemento che leghi i due soggetti, in una fusione omogenea.

Coniglio 3: Tempismo.

Conosci il detto “essere nel posto giusto al momento giusto”?. Ecco, bisogna imparare ad essere bravi in questo. Una stessa scena ripresa da una posizione piuttosto che da un’altra o in un determinato momento della giornata invece che in un altro ti darà risultati differenti. Il “Click” della macchina fotografica è come un battito di ciglia.
Devi avere l’istinto che ti guida e ti fa scattare al momento giusto. Solo così potrai generare un’immagine che si presenta fortemente come fotografia di strada. Dato che non ci sono soggetti in posa, anche un solo secondo può fare la differenza. Quindi fotocamera in mano e attiva il tuo istinto.

Consigli 4: Editing e fotoritocco.

Tornati a casa dopo una bella sessione di scatti bisogna fare una cernita delle foto. Quindi bisogna riconoscere la migliore fotografia tra quelle scattate e valorizzare i migliori scatti. Anche le migliori a volte presentano delle piccole imperfezioni come un mancato bilanciamento del bianco o di altri parametri e proprio per questo motivo può essere molto utile avvalersi di un software di fotoritocco, al fine di migliorare la qualità dell’immagine.
E’ bene sapere che il fotoritocco è molto utile quando la qualità della foto è già ottimale.
E’ consigliato dunque generare foto di qualità sin dallo scatto, così da perfezionarla nel dettaglio una volta caricata sul software.
Attenzione però: fotoritocco non significa fotomontaggio!

Se la tua passione per la fotografia urbana ti spinge a voler imparare sempre di più, è il momenti di pensare ad iscriversi ad un corso!

Lascia un Commento

X